Progetti
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

PROGETTI SOCIALI


APPROVATI E REALIZZATI


Nel mese di aprile l'Istituto per la Famiglia ha partecipato ad un avviso pubblico del Comune di Reggio Calabria, rivolto ad organismi privati locali per manifestare interesse a partecipare ai laboratori di co-progettazione  per la richiesta di finanziamenti su bandi regionali, nazionali e dell’Unione Europea. L' esito è stato positivo e dal  mese di dicembre 2010 sono iniziati i primi incontri a cui hanno aderito altri organismi per collaborare alla co-progettazione e proporre nuove iniziative all' amministrazione comunale.



PROGETTO COMES


Da gennaio 2010 fino a giugno, i nostri volontari sono stati impegnati nel progetto Comes, prestando assistenza ai bambini disabili frequentanti la scuola dell' obbligo di età compresa tra i 13 e 14, residenti nel Comune di Palmi( RC), affetti da patologie varie: ipoacusia, ritardo mentale, disturbi del comportamento, deficit motorio. Gli alunni presentavano una o più patologie associate e venivano individuati a seguito di un’attenta diagnosi funzionale da parte dell’UMD (l’Unità Multidisciplinare dell’ASL formata da un neuropsichiatra infantile, uno psicologo, un terapista della riabilitazione e un assistente sociale).



PROTEZIONE CIVILE


L’Istituto sta continuando ad investire nell’accrescimento delle proprie attrezzature, riuscendo a completare il progetto finanziato nel 2007, con l’imminente arrivo del carrello fari completo di gruppo elettrogeno e con l’ultimo mezzo di trasporto e traino che si sta per concretizzare grazie al sostegno della Fondazione B.N.C.  che avendo valutato la serietà e competenza della ns Associazione ha devoluto una somma di danaro per il sostegno al completamento di questo importante progetto per il bene della collettività tutta.



APPROVATI MA NON FINANZIATI


PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE


Settore Educazione


-”SPORTELLO AMICO”: strumento  di supporto per offrire accoglienza, assistenza, informazione, alle categorie sociali deboli del territorio, favorire l’inclusione sociale, fronteggiare l’avanzare ed il peggioramento del degrado,  promuovere la coabitazione degli immigrati e delle popolazioni


-”GIOVANI PROTAGONISTI”: il progetto si propone di continuare a contrastare emarginazione giovanile e a sostenere la socializzazione dei giovani. Mira a coinvolgere i giovani informandoli, sensibilizzandoli, coinvolgendoli nella società.



Settore Assistenza


-”CAD CENTRO ASSISTENZA DONNE IN DIFFICOLTA’: il progetto è finalizzato     all’assistenza delle donne in difficoltà e con minori a carico  per varie esigenze di natura familiare, sociale, culturale, occupazionale. In particolare si vuole contrastare il fenomeno della violenza che spesse volte si riversa sulle donne soprattutto all'interno delle pareti domestiche.


- ”UN AIUTO CON IL CUORE”: intende agire in maniera incisiva sul bisogno di povertà alimentare ed animica di consistenti e diversificate fasce di popolazione ricadenti nel territorio di azione dell’IPF, per fare trionfare l’amore sull’aridità,  il pane quotidiano sulla negazione degli individui, un sorriso sull’imperante indifferenza



Settore Protezione Civile


- ”TIMOTEO”: il progetto si inserisce, all’interno delle molteplici attività di informazione e diffusione della cultura di protezione civile, nella piena consapevolezza che il messaggio della solidarietà, della partecipazione e dell’amore verso i propri simili ed il proprio territorio è uno dei canali fondamentali di cambiamento della cultura e della sensibilità di un popolo



PROGETTI PRESENTATI ED IN ATTESA DI APPROVAZIONE


CITTADINANZA DIGITALE” (presentato alla Regione Calabria): l’Istituto per la Famiglia ha presentato la domanda di candidatura per poter partecipare all’Avviso pubblico della Regione Calabria, per l’individuazione di soggetti interessati  alla presentazione di progetti di cittadinanza digitale attiva


“SCUOLA- LAVORO- LEGALITA’ “ (presentato alla Fondazione per il Sud): il progetto è volto a contrastare e prevenire il fenomeno della dispersione scolastica. l’IPF avrà il ruolo di soggetto responsabile dell’intero percorso, curerà i rapporti con i vari soggetti che costituiscono la partnership, le aziende e gli istituti scolastici, e  naturalmente con la Fondazione per il Sud.L’azione che intende mettere in essere si caratterizza per la sua complessità perché agisce su più livelli e coinvolge tutti i soggetti - attori dell’azione formativa:  dalla scuola, con l’interessamento del corpo docente, agli alunni che presentano situazioni di criticità, al contesto socio – ambientale quindi la famiglia, al contesto socio – economico perché è prevista l’interazione di soggetti appartenenti al mondo del lavoro.


LA CASERMA DELLA SOCIALITA’” (presentato alla Fondazione per il Sud): l’idea progettuale punta all’attivazione di percorsi di cittadinanza attiva, attraverso forme e modalità innovative, tenendo conto della complessità del mondo giovanile, al fine di fare riappropriare i giovani di un consapevole impegno nella società con azioni concrete di solidarietà e attivando operazioni di tutela del territorio e della valorizzazione di beni comuni.


SPORTELLO DELLA SOLIDARIETA’” (presentato alla Fondazione Roma): L’IPF ha richiesto contributi alla Fondazione per poter realizzare uno sportello della Solidarietà, in grado di fornire informazioni a soggetti a rischio, inerenti la salute, il lavoro, attività culturali, ecc. .


“CAMMINO ELOIM” (presentato alla Fondazione Toro): le attività del “Cammino Eloim”  prevedono il coinvolgimento dei giovani in diversi settori culturali, sociali, operativi tra loro interdipendenti ed integrati in quanto finalizzati all’espressione unitaria della creatività e della partecipazione di coloro i quali ne vogliono usufruire. Vogliamo fornire strutture e gli strumenti necessari ai giovani della città per assumere un ruolo culturalmente trainante per lo sviluppo e l’apertura socio-culturale del territorio. Sono presenti  diversi laboratori riguardanti l’ambito dell’Animazione: musicale, cinematografico, teatrale, giornalistico-redazionale e ludico. A questi si collega inoltre un’area definita della cultura che offre la possibilità di consultazione di libri e materiale informativo e formativo avvalendosi anche dei moderni supporti informatici e telematici.


CENTRO DI PROTEZIONE CIVILE” (presentato al Dipartimento Nazionale di Protezione Civile) : il progetto è finalizzato all’assistenza della popolazione mediante la predisposizione e la gestione di strutture di soccorso ed accoglienza dotate dei necessari servizi di logistica generale. E’ inoltre finalizzato all’organizzazione di specifiche funzioni nonché alla gestione di servizi di rilevanza strategica nell’ambito di un evento sismico di rilievo nazionale.